logo racing
racing
gennaio 24, 2017 - Seat Motorsport

Con SEAT si cresce - La nuova stagione è al via


La #seat #leon attesa protagonista nel TCR italiano - Confermato il trofeo della #leon Cup Racer affiancato da un nuovo monomarca sulla #leon ST CUPRA, vittoriosa nel tricolore TCS 

* * *

Vergiate - Il quartier #seat Motorsport Italia, nel varesotto, ha ospitato la presentazione dei programmi sportivi della stagione. All’incontro con piloti, team e media hanno partecipato anche i vertici di #seat Sport – con Jaime Puig, Responsabile delle attività motorsport – e di #seat Italia, con #vincenzovavala, Direttore Marketing. Tra gli ospiti illustri, l’inviato di “Striscia la Notizia” #edoardostoppa, che con i trofei #seat è già sceso in pista due volte, al Mugello e a Monza lo scorso anno.‎

La prima grande novità è rappresentata dalla #leonstcupra Cup. La station wagon di Martorell che lo scorso anno ha conquistato il titolo nel Campionato italiano turismo TCS . «Abbiamo sempre avuto un trofeo entry-level», ha detto Tarcisio Bernasconi, patron di #seat Motorsport Italia.  «Quest’anno la Ibiza Cup è andata in pensione dopo sei stagioni di successo e al suo posto entra una nuova sfida, con la #leon ST, nata per coniugare spazio e versatilità con stile e prestazioni elevate».

È la prima volta che un trofeo monomarca si disputa con vetture station wagon. Rispetto alla scorsa stagione la vettura sarà potenziata e raggiungerà oltre 300 cavalli. Sarà dotata inoltre di un nuovo impianto frenante e di un sistema di rilevamento dati con telemetria. Il trofeo con la #leonstcupra sarà gestito completamente da #seat Motorsport Italia, che noleggerà le vetture e metterà a disposizione anche i tecnici e l’hospitality in pista.

“La stagione, tutto compreso, costerà meno di 40.000 euro, con la possibilità di dividere il sedile (e quindi la spesa) con un altro pilota, perché ogni weekend prevede due gare da mezz’ora”, spiega Tarcisio Bernasconi. “Se il pilota avrà il meccanico, potrà scegliere di usufruire soltanto della tenda e dell’attrezzatura togliendo i costi ma mantenendo il servizio”.

Il trofeo si disputerà nel contesto del tricolore TCS: ne consegue che il vincitore avrà la possibilità di conquistare anche il titolo italiano.

Confermato per il 2017 il trofeo con la #leon Cup Racer. Cambia il format: si disputeranno 2 gare da 48 minuti più un giro precedute da un turno di prove libere da 45’ e prove ufficiali da altri 45’. “E anche in questo caso i costi si possono dividere con un compagno di squadra. Qui noi daremo l’organizzazione sul campo di gara e i ricambi, ma le vetture saranno acquistate dai team”, spiega Tarcisio Bernasconi.

Il montepremi della #leon Cup Racer sarà di cinquantamila euro, al quale si aggiungerà l’aiuto di #seat Motorsport Italia per il proseguo della carriera dei piloti più veloci, anche sotto forma di forniture tecniche.

“Continueremo a fare nel weekend degli eventi in pista che vogliono essere un’alternativa molto più bella che andare al cinema o al centro commerciale”, ha aggiunto  il Direttore #seat ItaliaGianpieroWyhinny . “Stiamo lavorando per incontrare sempre di più le esigenze dei nostri amici piloti ma anche del pubblico, per portare lo spettacolo in tv e in autodromo”.

“Far scoprire il motorsport è una delle missioni che ci siamo dati lo scorso anno”, ha aggiuntoVincenzo Vavalà, Direttore Marketing di #seat Italia. “Vogliamo trasferire la passione che i nostri ingegneri e designer di Martorell mettono dentro a ogni elemento che va a comporre le nostre automobili, che poi devono vivere fra i profumi della pista. Nel 2017 continueremo a spingere il motorsport”.

 “Quello di #seat Motorsport Italia è un ottimo programma”, ha conclusoJaime Puig, capo di #seat Sport. “Tarcisio Bernasconi ha creato una vera e propria piramide: i piloti possono avvicinarsi alle competizioni con la #leonstcupra Cup che è un inizio alle competizioni e poi possono passare alla #leon Cup Racer. E qualche pilota poi potrà crescere ulteriormente e fare anche il TCR”.

“La #leonstcupra mi incuriosisce… correre con una station wagon mi sembra stranissimo e sicuramente vorrei provarla”, ha detto l’inviato di ‘Striscia la Notizia’Edoardo Stoppa. “Alberto Bassi mi ha detto che in gara si comporta molto bene…”

L’incontro ha costituito anche l’occasione per gli ospiti per una visita al Reparto Corse della scuderia che da anni schiera in pista i monomarca #seat.