logo racing
racing
aprile 04, 2017 - BMW Motorrad

L’edizione 2017 del British Superbike Championship è cominciata alla grande per i piloti di BMW S 1000 RR che hanno conquistato quattro piazzamenti a podio

L’edizione 2017 del British Superbike Championship è cominciata alla grande per i piloti di BMW #s1000rr che hanno conquistato quattro piazzamenti a podio

  • Il MOTUL FIM Superbike World Championship ed il FIM Superstock 1000 European Championship hanno corso sul tracciato iberico di MotorLand Aragón.
  • Christian Iddon, Michael Rutter e Ian Hutchinson si sono classificati sul podio del BSB a Donington Park
  • Christian Iddon, pilota della Scuderia Tyco BMW, ha dichiarato: “Sono felicissimo di cominciare la stagione con un podio”.
 
Monaco di Baviera. Lo scorso weekend, i membri della famiglia #bmwmotorrad Motorsport - piloti, squadre ed ingegneri da Monaco di Baviera - si sono ritrovati in prima linea in Spagna ed in Gran Bretagna. Il circuito spagnolo di MotorLand Aragón è stato sede della terza gara del 2017 MOTUL FIM Superbike World Championship (WorldSBK) e della gara d’apertura dell’edizione 2017 del FIM Superstock 1000 European Championship (STK1000). Contemporaneamente, sul circuito britannico di Donington Park ha preso il via anche la stagione 2017 del British Superbike Championship (BSB), dove hanno brillato i piloti in sella a BMW #s1000rr, che hanno conquistato complessivamente quattro piazzamenti a podio ed altri brillanti risultati. In tutte e tre queste serie, i concorrenti partecipanti al #bmwmotorradracetrophy del 2017 hanno conquistato preziosi punti nella classifica di questa competizione unica nel suo genere.

MOTUL FIM Superbike World Championship, ad Alcañiz, Spagna.
Dopo le prime due gare transoceaniche, disputate in Australia ed in Tailandia, il MOTUL FIM Superbike World Championship (WorldSBK) ha fatto ritorno in Europa. La terza gara stagionale si è, infatti, disputata sul tracciato di MotorLand Aragón nei pressi d’Alcañiz, nel nordest della Spagna.

Lo spagnolo Jordi Torres, pilota della scuderia Althea BMW #racing Team s’è qualificato sesto sullo schieramento di partenza della gara del sabato. Al via, ha perso qualche posizione, ma ha poi lottato per rimontare finendo col tagliare il traguardo in sesta posizione. Conformemente ai nuovi regolamenti, questo risultato gli è valso di prendere il via dalla terza posizione della prima fila dello schieramento di partenza, nella gara di domenica. Nella battaglia del via – con i piloti meglio classificati nella gara del sabato, subito impegnati a spingere da tergo – lo spagnolo ha di nuovo perso qualche posizione. Però, così come aveva fatto nella gara del sabato, Torres ha nuovamente lottato facendosi largo in rimonta, superando diversi concorrenti e finendo col classificarsi settimo in quest’occasione. Il suo compagno di squadra all’Althea BMW #racing, il tedesco Markus Reiterberger, è invece stato sfortunato nella Superpole 1 del sabato, quando è caduto mentre mancavano solo pochi minuti al termine. Teoricamente si era qualificato 13°, ma la sua #moto si è danneggiata seriamente nella caduta. Cosicché, considerate il poco tempo a disposizione per effettuare le riparazioni del caso, Reiterberger si è visto costretto a prendere il via della gara di sabato dalle retrovie. Anche il tedesco ha dato vita ad una bella rimonta in sella alla sua BMW #s1000rr, classificandosi 12°. Nella gara della domenica, Reiterberger si è, poi, classificato 16°.

Jordi Torres: “Abbiamo concluso questo weekend di gara con ottime sensazioni, su una pista molto difficile. Per me è stato un fine settimana di gara speciale, poiché siamo rientrati a correre in Europa e per giunta si trattava della mia gara di casa. Abbiamo dato tutti il meglio di noi ricevendo anche un sensazionale supporto dagli ingegneri e dai tecnici della #bmwmotorrad Motorsport, che ci sono stati di grande aiuto. Purtroppo, in tutte e due le corse le mie partenze non sono state tra le migliori e non ero molto competitivo nei primi giri. Giro dopo giro, però, ho trovato un buon ritmo e sono stato in grado di superare molti avversari e riavvicinarmi alla testa della corsa. Era importante ed è stata un’ottima cosa. Tutta la squadra ha lavorato ottimamente e non abbiamo avuto nessun problema con la nostra BMW #s1000rr. Insomma, è stata una gara indubbiamente positiva”.

Markus Reiterberger: “Il fine settimana è stato un po’ difficile per me. Abbiamo cominciato abbastanza bene venerdì, essendo subito competitivi ed effettuando passi in avanti nella giusta direzione. In particolare sabato mattina avevo ottime sensazioni in sella alla mia BMW #s1000rr. Durante la Superpole 1, ho navigato per la maggior parte del tempo in terza posizione. Poi, sono tornato in pista per staccare un altro giro veloce e migliorare la mia prestazione. In ogni caso, avrei avuto il ritmo sufficiente per passare alla Superpole 2, ma purtroppo sono caduto. Molto probabilmente la ragione di tale caduta è stata lo pneumatico anteriore che non era in temperatura. Durante il giro d’entrata, diversi piloti avevano cercato d’accordarsi alla mia ruota posteriore, onde poter completare un buon giro in scia al sottoscritto. Ho dovuto ‘sbarazzarmi’ di loro ed anche attendere un po’ che mi distanziassero, per avere pista libera davanti a me. Anche gli altri piloti che hanno aspettato sono caduti nella stessa curva che mi ha tradito. È stato un vero peccato che quest’errore mi abbia impedito di qualificarmi per la Superpole 2 dato che resto convinto che piazzarmi tra i primi dieci fosse ampiamente alla mia portata. Sono poi partito dal fondo dello schieramento, riuscendo a rimontare fino al 12° posto nella gara di sabato. Il che è un buon risultato. La corsa della domenica è, invece, stata un po’ più complicata. Il vento era molto più forte ed abbiamo, allora, scelto uno pneumatico posteriore differente. Questa scelta si è dimostrata la migliore nei primi giri, ma in seguito ho cominciato ad avere problemi: non riuscivo ad inserire correttamente la #moto in curva, né a trovare la necessaria fiducia alla guida della #moto. Ora, effettueremo alcune prove, per cui spero che riusciremo ad identificare la giusta direzione di lavoro”.

FIM Superstock 1000 European Championship ad Alcañiz, Spagna.
A MotorLand Aragon (Spagna), le squadre client BMW ed i tecnici della #bmwmotorrad Motorsport hanno dato il calcio d’inizio alla stagione 2017 del nuovo FIM Superstock 1000   European Championship (STK1000) che sostituisce l’ex FIM Superstock 1000 Cup. Al via di questa prima gara stagionale si sono presentati ben otto piloti in sella a BMW #s1000rr. Quello meglio piazzato tra di loro è stato l’italiano Marco Faccani, pilota dell’Althea BMW #racing Team, che ha tagliato il traguardo in quinta posizione con la sua RR. Hanno conquistato punti anche l’elvetico Sébastien Suchet (Berclaz #racing Team) ed il giovane Tedesco Julian Puffe (MF84 Althea) che si sono rispettivamente classificati 13° e 14°. Un altro nuovo membro della famiglia BMW è il nostro Federico Sandi, ex-pilota di Gran Premio e della WorldSBK, anch’egli iscritto coi colori del Berclaz #racing Team. Dopo un test molto soddisfacente con la sua BMW #s1000rr, puntava ad un risultato “top”, ma la sfortuna gli ha impedito di dimostrare il suo talento e confermare le prestazioni alla sua portata.

Marco Faccani: “Posso essere felice del risultato odierno, poiché ho conquistato il quinto posto che vale un certo peso in termini di punti. Niente male considerando che sono ancora debilitato da un male alla spalla, conseguenza di un precedente infortunio. Ho avuto modo di fare migliore conoscenza con la #moto e penso che abbiamo svolto un buon lavoro, migliorando ad ogni sessione. In gara non abbiamo, forse, sfoggiato lo stesso ritmo che avevamo in prova, ma sono comunque contento del quinto posto finale e darò il massimo per migliorare nelle prossime gare”.

Julian Puffe: “La mia partenza non è stata malvagia, ma un altro pilota mi ha tagliato la traiettoria alla prima curva e per evitarlo ho perso diverse posizioni. Poi, ho spinto a fondo per ritrovare un ritmo veloce ed ho commesso anche alcuni errori, ma devo dire che giro dopo giro le cose sono migliorate ed alla fine ho chiuso la gara in quattordicesima posizione. Per la mia prima gara va bene così, ma sono sicuro che possiamo fare molto meglio, poiché la squadra ha lavorato ottimamente e la #moto va molto bene. Lavoreremo per migliorare e fare un concreto passo avanti, a cominciare dalla gara di Assen…”

Federico Sandi: “Ero abbastanza soddisfatto delle soluzioni d’assetto che avevamo trovato nel warm-up. Purtroppo ho avuto un piccolo problema al via, quando la si è brevemente spenta dopo 50 o 60 metri. Ciò mi è costato alcune posizioni ma sono, poi, riuscito a superare diversi avversari e, dopo tre giri, mi sono trovato alle spalle di quei concorrenti che si sarebbero poi classificati nelle prime posizioni. Ad un certo punto, però, la mia ruota posteriore si è improvvisamente bloccata e sono caduto. Dobbiamo analizzare perché ciò è accaduto. Ovviamente sono deluso perché il potenziale mio, della squadra e della #moto era veramente molto elevato. Potevamo lottare per le primissime posizioni ed invece siamo tornati a casa con un pugno di mosche in mano. È un vero peccato, ma sono sicuro che ad Assen potremo progredire, sia con un ulteriore passo avanti in termini d’elettronica, sia per quel che concerne il motore. Per quello che, invece, riguarda il sottoscritto, posso dire che spingerò al massimo per lottare al vertice. La BMW #s1000rr mi piace molto. È veloce, ma c’è ancora molto lavoro da fare. Lo scorso fine settimana non si è concluso al meglio, ma cercheremo di voltare pagina ad Assen.”

British Superbike Championship a Donington, Gran Bretagna. 
Il lungo inverno si è concluso anche per il British Superbike Championship (BSB). La prima gara stagionale della stagione 2017 si è svolta sul circuito di Donington Park (GB) dove si sono ritrovate le scuderie clienti della BMW, i loro piloti ed i tecnici della #bmwmotorrad Motorsport. È stato un inizio in fanfara per la marca bavarese, visto che le BMW #s1000rr hanno subito conquistato due piazzamenti a podio. 

Nella prima delle due corse della categoria Superbike (BSB SBK), il britannico Christian Iddon, pilota della Tyco BMW, si è infatti classificato terzo con la sua RR. Immediatamente alle sue spalle si è classificato il suo connazionale Peter Hickman, pilota BMW della Scuderia Smiths #racing, quarto. Il nostro Davide Giugliano ha invece concluso al 13° posto la sua prima gara in sella alla BMW #s1000rr della Tyco, mentre anche Jakub Smrz (CZE / Lloyd & Jones PR Racing) ha conquistato punti, tagliando il traguardo al 14° posto. In Gara2, Iddon ha mancato il podio solo per pochi decimi di secondo e si è classificato quarto. Hickman e Giugliano hanno rispettivamente chiuso all’ottavo e nono posto. Anche Smrz si è classificato in zona punti, concludendo la corsa al 15° posto.

Christian Iddon: “È stato un buon avvio di stagione per noi. Una solida prestazione che ha ricompensato degnamente la squadra per il grande lavoro svolto da tutti i ragazzi al box, visto che ho reso loro la vita dura per alcune settimane. Sono felice di cominciare la stagione con un piazzamento a podio per la scuderia Tyco BMW, offrendo un valido spettacolo ed un buon risultato a tutti i nostri sponsor. Ci resta molto lavoro da svolgere, per ridurre e possibilmente azzerare il distacco dai piloti di testa, ma si tratta d’un obbiettivo assolutamente raggiungibile e ritengo di poter ripartire da questa prima gara carico d’una grande dose di fiducia nei nostri mezzi”. 

Davide Giugliano: “La gara è stata per certi versi sorprendente ed alcuni si sono avvicinati molto, ma va bene così. Oggi, ho imparato molto circa questo campionato ed anche circa la Tyco BMW, per cui so che potrò affrontare la prossima gara mostrando un po’ di più il mio stile personale, senza dovermi preoccupare per effettuare alcuni bei sorpassi con la mia BMW #s1000rr della Tyco".

In tutte e tre le gare della categoria Superstock (BSB STK) disputate nel corso del weekend, sul podio si è classificato un pilota in sella ad una BMW #s1000rr mentre diversi altri piloti si sono classificato tra i primi otto. 

Gara1 e Gara2 del sabato sono state “combinate” in una “gara di durata”. Le due corse si sono articolate sulla distanza di 18 giri, al termine dei quali è stata assegnata la metà dei punti abituale. Dopo la Gara1, le squadre avevano 10’ di tempo in corsia box per sostituire gli pneumatici, rifornire e preparare le #moto per la Gara2. Il britannico Michael Rutter (Bathams SMT) ha pilotato la sua RR fino al primo podio, in terza posizione, mentre il suo connazionale Chrissy Rouse (Mission Racing) lo ha seguito in quarta posizione. Un altro britannico, Tom Tunstall (Integro) si è classificato sesto. In Gara2, Rutter e Rouse si sono nuovamente classificati rispettivamente terzo e quarto. Il britannico Ian Hutchinson si è classificato quinto con la sua BMW #s1000rr (Tyco) dopo aver preso il via dalla trentesima posizione dello schierato di partenza. Il britannico Ashley Beech (GBR / Jones Dorling Racing) si è classificato settimo.

Gara3, disputata alla domenica, è stata una corsa normale che ha visto Hutchinson classificarsi sul podio, in terza posizione. Al termine di questa gara elettrizzante, Hutchinson ha tagliato il traguardo ad appena 0’’5 di distacco dal primo. In sella alle loro RR, Rutter e Rouse lo hanno seguito, classificandosi rispettivamente quarto e quinto. Il britannico Adam Jenkinson (Northern Escalator Installations) si è invece classificato settimo.

Ian Hutchinson: “Non è stato un weekend perfetto sotto ogni aspetto, ma ho probabilmente effettuato più sorpassi nella prima gara di sabato di quanti ne avessi fatti precedentemente nella miglior parte d’una stagione. Gara3, domenica, mi ha visto conquistare un podio, che rappresenta sempre il mio obbiettivo di partenza in un weekend di gara, anche se a dire il vero siamo qui per vincerle le gare e spingeremo per farlo e per puntare anche il più in alto possibile pure nel campionato. Il potenziale della BMW #s1000rr è sempre enorme anche quest’anno, per cui non vedo l’ora di prendere il via delle prossime gare, prima che inizi la stagione delle gare stradali”.