logo racing
racing
giugno 11, 2017 - Ferrari

Ferrari Challenge Europe – Doppietta per Di Amato e Nelson, Hassid: primo centro

Monza, 11 giugno 2017 – Seconda giornata del #ferrarichallenge Europe a Monza, secondo appuntamento stagionale, ricca di emozioni e spettacolo con alcuni piloti che si sono confermati al vertice e altri che si sono messi in luce per la prima volta. È il caso di Henry Hassid, francese alla seconda gara nel monomarca #ferrari, che ha dominato la Coppa Shell mentre Jens Liebhauser ha visto sfumare sul rettilineo del traguardo la prima vittoria lasciando via libera a Martin Nelson e a Tommaso Rocca. Nel Trofeo Pirelli si è assistito alla doppietta di Daniele Di Amato.

Coppa Shell. La prima gara di giornata è stata nuovamente quella della Coppa Shell che ha regalato nuovamente emozioni forti. Al via il poleman Fons Scheltema è riuscito a mantenere la prima posizione mentre dietro Erich Prinoth (Ineco-MP Racing) ha seminato un po’ di scompiglio alla prima chicane. Poco dopo Vladimir Hladik (Baron Service) è finito in testacoda alla Variante della Roggia. Ad un terzo di gara è stato poi necessario l’ingresso della Safety Car: Murat Cuhadaroglu (Kessel Racing), che era in battaglia con Eric Cheung (Formula Racing) e Fabienne Wohlwend, ha perso il controllo della propria 488 Challenge travolgendo la ragazza di Octane 126. Nessuno si è fatto male, ma la gara di entrambi è finita. Al restart Henry Hassid (Team Charles Pozzi) è riuscito a superare Fons Scheltema andando in fuga. L’olandese del Kessel #racing è stato però in grado di difendere la seconda posizione prima dagli attacchi di Johnny Laursen (Formula Racing) e poi da quelli di Christoph Hurni (Team Zenith Sion-Lausanne) che è giunto terzo. Hassid ha vinto anche la Coppa Gentlemen mentre la Ladies Cup è andata a Deborah Mayer (Kessel Racing) alla gara più bella della carriera.

Trofeo Pirelli. Nel Trofeo Pirelli, Daniele Di Amato (CDP) si è riconfermato in pole e anche in gara non ha lasciato spazio a nessuno. Al via Philipp Baron (Rossocorsa) ha provato a reggere il passo del pilota italiano ma senza fortuna dovendosi anzi guardare le spalle da uno scatenato Fabio Leimer (Octane 126). I tre sono arrivati nell’ordine.

Pirelli Am. Nella classe Pirelli Am a fare la parte del leone è stato Jens Liebhauser (Gohm Motorsport) che ha seminato tutti gli avversari fin da subito costringendo Martin Nelson (Scuderia Autoropa), dominatore a Valencia e al sabato in Gara-1, ad inseguire come in questa stagione non gli era ancora capitato. Il pilota tedesco ha preceduto fino all’ultimo rettilineo lo svedese leader di campionato. La beffa è arrivata sul traguardo, quando sulla 488 Challenge di Liebhauser è finito il carburante. Ha vinto Nelson, secondo è arrivato Rocca mentre il tedesco è riuscito a salvare il terzo posto. Tra i piloti della 458 Challenge EVO il migliore è stato il giapponese Yoshiki Ohmura (StileF Squadra Corse). Prossimo appuntamento a Budapest tra due settimane.

Ti potrebbe interessare anche

giugno 15, 2017
maggio 22, 2017
maggio 18, 2017