logo racing
racing
luglio 16, 2017 - Ferrari

Gran Premio di Gran Bretagna – Ferrari terza e settima

Silverstone, 16 luglio – Due forature, proprio negli ultimi minuti di gara, e nonostante questo Scuderia #ferrari conquista un #podio col terzo posto di #kimiraikkonen mentre Seb Vettel è settimo e resta, dopo una gara incredibile e beffarda, in testa al mondiale.
Si parte in sordina, con un giro di formazione supplementare, causa lo stop in pista di Palmer. Distanza di gara ridotta quindi a 51 giri. Ma è subito show con Kimi e Seb in lotta con Verstappen. Poi un incidente fra le due Toro Rosso fa uscire in pista la Safety Car. Kimi si accoda a Hamilton mentre Seb, che ha avuto qualche difficoltà al via, è quarto. E al quinto giro la gara riparte: Kimi tiene il ritmo del leader, mentre il suo compagno deve aspettare il momento propizio per riprendersi la posizione. Il duello è appassionante, ma si sceglie l’opzione strategica: pit stop per Seb al giro 19, come programmato, per montare la gomma Soft. La #ferrari n.5 esce davanti alle Force India, in quinta posizione.Verstappen deve rientrare per coprire la nostra strategia, ma quando rientra si trova la Rossa davanti.E Seb segna subito il giro veloce, passando poi Hulkenberg per la quarta posizione. Al 24esimo giro arriva anche per Kimi il momento di cambiare le gomme, passando da Super a Soft. Poco dopo lo fa anche Hamilton. Con pneumatici nuovi, Iceman è il più veloce in pista.
Al giro 32 pit-stop per Bottas, che torna dietro al duo di Scuderia #ferrari ma adesso ha le Supersoft. Seb reagisce segnando il miglior personale in1:31.872. Al giro 43 il primo duello: Seb respinge l’attacco in frenata. Ma la manovra rovina la gomma e perde la posizione all’Hangar Straight. “Posso arrivare in fondo”, assicura. Lo fa, gestendo le gomme, mentre davanti, a soli due giri, l’anteriore sinistra di Kimi cede di colpo. Il pilota va ai box e monta un treno di Supersoft, lo “aiuta” uno stop altrettanto inatteso di Verstappen. Ma all’ultimo giro fora anche Seb, lo stesso pneumatico. Un pit-stop d’emergenza lo riporta in zona punti, ma la squadra meritava molto di più.