logo racing
racing
agosto 19, 2017 - Pirelli

Chaz Davies su Ducati si agiudica Gara 1 del WorldSBK in Germania davanti alle Kawasaki di Rea e Sykes; le soluzioni Pirelli contribuiscono a battere i record della pista con Tom Sykes


Klettwitz (Germania) , 19 agosto 2017 – Sul circuito tedesco EuroSpeedWay Lausitz il pilota Ducati Chaz Davies si è appena aggiudicato Gara 1 del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike riuscendo a tagliare il traguardo per primo davanti alle Kawasaki di Jonathan Rea e Tom Sykes. Con questo successo, il quinto da inizio stagione, il pilota gallese del team Aruba.it Racing – Ducati mantiene salda la terza posizione in classifica generale portando a 110 punti il distacco dal leader di Campionato Jonathan Rea ma soprattutto accorcia a 61 punti il distacco che separa Ducati da Kawasaki nella Classifica Costruttori.
 
La casa di Akashi non ha comunque sfigurato avendo piazzato i suoi piloti in seconda e terza posizione e avendo infranto con Tom Sykes i record della pista. L’inglese, grazie anche ai progressi fatti da Pirelli quest’anno, ha ottenuto la Superpole® realizzando il tempo record di 1’36.121 e migliorando di quasi due secondi il record della pista da lui stesso realizzato lo scorso anno. Come se non bastasse, Sykes ha fatto registrare anche il nuovo giro record di gara con il tempo di 1’36.918. Da notare anche come ben undici piloti, grazie alle prestazioni dei nuovi pneumatici da qualifica di Pirelli, nel corso della Superpole® siano riusciti a scendere sotto il record della pista dello scorso anno.
 
In Gara 1 per il posteriore la maggior parte dei piloti sceglie soluzioni in mescola media, fanno eccezioni i piloti del Kawasaki Racing Team che, nonostante temperature dell’asfalto non proprio ottimali, scelgono di montare la soluzione morbida. Parte bene dalla pole position Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) ma alle sue spalle si posiziona sùbito Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) che nella Superpole® non era riuscito ad andare oltre il sesto piazzamento in griglia. Il gallese è molto aggressivo e già nel corso del secondo giro riesce a sopravanzare l’inglese della casa di Akashi e a portarsi alla guida della corsa. Nel frattempo anche Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) supera il compagno di squadra e si lancia alla rincorsa del ducatista. In quarta posizione l’altro pilota Ducati, l’italiano Marco Melandri, mentre Lorenzo Savadori (Milwaukee Aprilia), partito dalla terza casella in griglia, scivola al settimo posto.
Chaz Davies prova sùbito ad allungare ma le Kawasaki di Rea e Sykes non lo lasciano scappare con Rea che tallona il gallese con un ritardo di soli tre decimi.
Nel frattempo, all’undicesimo giro Davide Giugliano, al suo debutto sulla Honda guidata dal compianto Nicky Hayden, è costretto al ritiro per un problema tecnico.
La seconda parte di gara vedrà diversi avvicendamenti e sorpassi nella parte bassa della griglia ma non regalerà azioni particolarmente avvincenti tra i piloti delle prime posizioni. Rea e Sykes non riusciranno mai ad essere davvero pericolosi per Chaz Davies e quest’ultimo riuscirà a tagliare il traguardo per primo con un vantaggio di quasi due secondi sul Campione del Mondo in carica Jonathan Rea e di oltre tre sul poleman Tom Sykes. In quarta posizione il compagno di squadra Marco Melandri.
 
Classifica WorldSBK Gara 1:

1) C. Davies (Aruba.it Racing – Ducati)
2) J. Rea (Kawasaki Racing Team)
3) T. Sykes (Kawasaki Racing Team)
4) M. Melandri (Aruba.it Racing – Ducati)
5) L. Camier (MV Agusta Reparto Corse)       
6) A. Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team)
7) L. Savadori (Milwaukee Aprilia)
8) X. Forés (BARNI Racing Team)
9) J. Torres (Althea BMW Racing Team)
10) E. Laverty (Milwaukee Aprilia)
11) L. Mercado (IODARacing)
12) R. Krummenacher (Kawasaki Puccetti Racing)
13) M. Reiterberger (Van Zon Remeha BMW)
14) R. Ramos (Team Kawasaki GoEleven)
15) M. Van Der Mark (Pata Yamaha Official WorldSBK Team)
16) A. Badovini (Grillini Racing Team)
RT) R. De Rosa (Althea BMW Racing Team)
RT) P. Szkopek (Pazera Racing)
RT) R. Russo (Guandalini Racing)
RT) O. Jezek (Grillini Racing Team)
RT) D. Giugliano (Red Bull Honda World Superbike Team)
RT) M. Roccoli (Guandalini Racing)
 
 
Le soluzioni Pirelli scelte dai piloti per WorldSBK Gara 1:
 
In Gara 1, soprattutto per il posteriore, le scelte dei piloti sono state simili. Ad ottenere la maggior parte delle preferenze è stata la SC1 di sviluppo W0051 (opzione B) che i piloti avevano già avuto modo di utilizzare nei round di Motorland Aragón e Assen. Questo pneumatico è stato usato da diciassette dei ventidue piloti schierati in griglia. L’altra soluzione in mescola media, la V1199 (opzione C) è stata scelta solo da Raffaele de Rosa, mentre quattro piloti, tra cui gli alfieri Kawasaki Tom Sykes e Jonathan Rea, nonostante temperature non propriamente ideali per questa soluzione hanno optato per la morbida SC0 di sviluppo W0575 (opzione A) già vista in azione a Laguna Seca.
Per quanto riguarda l’anteriore il pneumatico più scelto è stato la SC1 di sviluppo V0952 (opzione C), seguita nelle preferenze dalla SC1 di gamma (opzione B) e dalla nuova SC1 di sviluppo W0657 (opzione A).
 
 
Le statistiche Pirelli per WorldSBK Gara 1:
 
• Vincitore del PIRELLI BEST LAP AWARD: Tom Sykes (Kawasaki Racing Team),in 1'36.918 al 6° giro
 
• Soluzione anteriore più utilizzata: SC1 di sviluppo V0952 (12 su 22 piloti)
 
• Soluzione posteriore più utilizzata: SC1 di sviluppo W0051 (17 su 22 piloti)
 
• Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Superbike in gara: 287,3 km/h, realizzata da Jonathan Rea(Kawasaki Racing Team) al 3° giro
 
• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe Superbike: 6 anteriori e 7 posteriori

• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota Superbike: 77, 39 anteriori + 38 posteriori
 
• Temperatura aria: 20° C

• Temperatura asfalto: 31° C


Filtro avanzato